BANDO INAIL - Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

 

COS’È
La concessione di incentivi, a fondo perduto, pari al 65% dell’investimento con un tetto massimo di € 130.000 di contributo, a tutte le imprese che fanno investimenti unicamente finalizzati alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.


DESTINATARI
- Qualunque impresa iscritta alla CCIAA, in regola con il DURC, che non abbia richiesto, per lo stesso progetto, altri contributi di natura pubblica.
- Gli Enti del terzo settore – ETS: le organizzazioni di volontariato ODV, le associazioni di promozione sociale APS, gli enti filantropici, le imprese sociali, le società di mutuo soccorso, le associazioni, riconosciute o non riconosciute, le fondazioni e gli altri enti di carattere privato diversi dalle società costituiti per il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, iscritti nel Registro unico nazionale del Terzo settore [d.lgs. n.117/2017].


AMBITO DI APPLICAZIONE
Sono finanziabili tutti i progetti di investimento aventi impatto sul miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e tra questi anche:
- Adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
- Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (MMC);
- Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto (MCA);
- Progetti per micro e piccole imprese operanti nei settori del legno e della ceramica;
- Progetti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli.


SPESE AMMISSIBILI
- Acquisto, installazione o sostituzione di macchine:
o non a norma CE, che dovranno essere rottamate, con macchine, della stessa tipologia a norma CE;
o che possano determinare la riduzione/eliminazione dei rischi a cui è soggetto il lavoratore (rischio chimico, rumore, vibrazioni meccaniche, rischio biologico, rischio di caduta dall’alto, rischio infortunistico, rischio sismico, rischio da movimentazione manuale dei carichi MMC, compresi i pazienti, rischi dovuti alla presenza di materiali contenti amianto MCA, ecc.).
- Le spese tecniche e assimilabili necessarie all’investimento nel limite massimo del 10% delle spese di progetto, e comunque non oltre € 10.000 (perizie giurate, elaborati grafici di tecnici abilitati, certificazioni richieste dalla normativa, ecc);
- Spese di consulenza + spese di certificazione per adozione di sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (certificati BS OHSAS 18001:07; previsti da accordi INAIL- Parti Sociali);
- Spese per l’implementazione di modelli organizzativi e gestionali;
- Spese per l’adozione di sistemi di responsabilità sociale certificati.